Menu
Fotografia e video
di matrimonio

cover-chi-siamo

// CHI SIAMO


GalanteStudio SRL nasce da un'intuizione di Maicol Galante: creare un team di fotografi e videomaker professionisti, specializzati nell’arte del matrimonio, e tentare così di rivoluzionare un mercato fermo ormai da decenni. In pochi anni lo studio raggiunge il podio delle aziende più riconosciute del nord Italia.

Siamo fotografi e videomaker con un sogno in comune. Mettiamo cuore, anima e passione nel nostro lavoro. Ci completiamo a vicenda per restituirti il ricordo del tuo giorno più bello, che rimarrà indelebile nel tempo.

Proponiamo uno stile fresco e spontaneo, senza pose: valorizzando l'inaspettato, catturiamo le vostre emozioni per sempre. Non ti consegneremo delle semplici foto e video, ma un progetto che racconta una storia meravigliosa: la vostra.

Il nostro team, già altamente qualificato, continua a formarsi e ad aggiornarsi periodicamente. L'esperienza maturata negli anni, realizzando felicemente oltre 600 progetti, ci consente di gestire ogni situazione ed ogni imprevisto.

Uniamo creatività, personalizzazione, cura del dettaglio, materiali innovativi, sperimentazione e tecniche all'avanguardia, per dare vita a composizioni fotografiche e cinematografiche uniche.

Infine ci impegniamo perchè tutti gli innamorati possano essere protagonisti di una piccola opera d'arte. Per questo veniamo incontro alle più diverse esigenze con un'ampia differenziazione dell'offerta.

// MISSION


Creiamo con passione un'arte nuova, garantendo servizi affidabili e prodotti moderni.

// VISION


Vogliamo essere, in Italia, team di riferimento per la fotografia e i video di matrimonio. Un’azienda giovane, fresca e dinamica, che propone servizi all’avanguardia, combinando l’innovazione con l’impronta del made in Italy. Crediamo fortemente nel buon gusto, nella cura del dettaglio e nella passione per il nostro lavoro.



cover-chi-siamo

"Macchia bordò su sfondo bianco"

Il calice si rovesciò come una campana sul vestito . Sembrava avessero sparato a un cigno : la macchia di Merlot si allargava appena sotto il corpetto della sposa. Dove iniziava la volta della gonna, la macchia conquistava fili, tessuto e colore. Per la gioia, il padre aveva stretto a sé la figlia, urtando il bicchiere tra le sue mani.
Le amiche accorsero a tamponare il vestito con i tovaglioli, i camerieri si attivarono per aiutare, proposero qualche detergente, ma avrebbe rovinato la seta. Uno dei fotografi si avvicinò, mirò alla scena e scattò.
«E adesso?» chiese la sposa.
«Adesso sei perfetta» rispose il fotografo . «Nessuna è come te».
«Vorrei che non si vedesse».
«Non pensarci e non si vedrà».
Due mesi più tardi la sposa prese tra le mani lo YoungBook . Era tenero come un sughero . Lo aprì con cautela, davanti al marito e al fotografo. Osservò la prima pagina : un bianco illeso . Guardò la seconda, la terza, la quarta, la quinta, la sesta pagina fino alla ventesima : ancora niente . Dov'era la sua macchia? Più non la trovava e più le mancava . Sfogliò affannosamente il resto dell'album . Il marito la pregò di rallentare .
«Non la trovo» disse la sposa . «Quella macchia rappresenta la gioia immensa dell'abbraccio di mio padre».
Continuò a girare le pagine del libro . Uno scatto la ritraeva con la corte di amiche e camerieri accucciati attorno come a formare la corolla di un flore . In un'altra foto il volto di un bambino nascondeva la macchia, poi la nascondeva un tavolo, la mano delicata del marito, il bouquet, la torta altissima, le nuvole, la felicità, il futuro . La trovò solo nell'ultima pagina . La sposa respirò, con gli occhi lucidi.
Nell'immagine lei rideva e rideva insieme allo sposo, con le braccia alzate ad accogliere il cielo e la vita che le veniva incontro . Si era completamente dimenticata della macchia e la macchia era diventata parte essenziale di lei. Un sigillo bordò tra le sue piume di cigno .
«Adesso la tua macchia è davvero unica» disse il fotografo . «Come il tuo sì».